La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 20 settembre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Stop ai divieti sul colle di Tenda e al Monginevro

Astra scrive a prefetto e presidente della Provincia perché intercedano sulle autorità francesi, dopo i nuovi disastri del maltempo

La Guida - Stop ai divieti sul colle di Tenda e al Monginevro

Cuneo – Due lettere indirizzate a prefetto Giovanni Russo e presidente della Provincia Federico Borgna per trovare soluzioni conto l’isolamento della provincia di Cuneo e la conclamata inadeguatezza della sua rete infrastrutturale e chiedere la sospensione dei divieti ai mezzi pesanti sulle strade francesi. Le ha indirizzate Astra, l’associazione autotrasportatori, il giorno dopo i drammatici avvenimenti del maltempo che hanno dimostrato una volta di più l’isolamento della Granda.

Le uniche due vie di comunicazione naturali, il Colle della Maddalena e il Colle di Tenda, non sono percorribili a causa di divieti di circolazione imposti dalle autorità francesi. Per questo Astra chiede che parta subito una richiesta di immediata attivazione presso le autorità francesi per arrivare a una sospensione momentanea del divieto di passaggio sopra le 19 tonnellate sulla strada francese della Valle Roja e della limitazione al transito ai mezzi superiori alle 26 tonnellate sul Colle del Monginevro, naturale passaggio alternativo al Colle della Maddalena.

“Per quanto riguarda il tratto stradale internazionale della Valle Roja, siamo a ribadire la necessità di abolire il “divieto della vergogna” imposto dalle autorità locali francesi che tanti danni sta provocando all’economia provinciale, i cui effetti perversi si stanno toccando con mano e a caro prezzo in questa situazione emergenziale – spiega il presidente di Astra Diego Pasero -. Del pari, sulla strada del Colle della Maddalena, pur comprendendo le difficoltà derivanti dalle copiose precipitazioni nevose, continuiamo ad assistere impotenti al quotidiano rimpallo di responsabilità tra Anas, Commissione valanghe e istituzioni che impediscono una pronta riapertura dello stesso”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente