La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 12 dicembre 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Tre uomini e una Panda nel deserto

Tre giovani cuneesi partecipano al loro primo raid nel deserto, il Maroc Challenge, in programma dal 29 novembre al 7 dicembre, a bordo di una Panda del 1993

La Guida - Tre uomini e una Panda nel deserto

Cuneo – La decisione di partecipare al Maroc Challenge non è propriamente tra le idea di vacanza last-minute meno impegnative, ma è sicuramente delle più insolite, affascinanti e coinvolgenti per tre amici con tanta voglia di mettersi in gioco e di condividere una bella avventura insieme.  

A decidere di affrontare questa gara amatoriale off road per veicoli 4×4 e 4×2 che si svolge in Marocco nel deserto del Sahara tra il 29 novembre e il 7 dicembre sono stati tre giovani cuneesi di 26 anni, tutti classe ’93: Gabriele Enrici di Peveragno, infermiere per la medicina del lavoro e la medicina sportiva, Fabrizio Smiglio, educatore professionale, e Lorenzo Reina di Busca, infermiere presso il 118 del Mauriziano di Torino.

“Siamo amici dal tempo delle scuole superiori – raccontano – e abbiamo condiviso i momenti più belli e quelli più difficili dalla nostra adolescenza all’università. Siamo molto uniti e abbiamo deciso di esserlo anche nella Maroc Challenge invernale”.

L’idea è nata andando alla ricerca di un’idea per una vacanza: “Quest’estate bazzicando tra svariati siti internet alla ricerca della vacanza last minute perfetta ci siamo imbattuti nel sito della Maroc Challenge e senza nemmeno accorgercene abbiamo deciso di partecipare”. Il primo passo, nel mese di agosto, è stato l’acquisto di una Panda Fiat 4×4, anche lei “nata” nel 1993.

“Nelle settimane successive abbiamo dedicato diversi week-end al perfezionamento del veicolo: rialzi, collaudo, portapacchi, ruote tassellate, decalcomanie, colorazione e abbiamo creato anche un profilo instagram @tre_uomini_e_una_panda che vanta 1700 followers”. La competizione consiste in 9 giorni di raid nel deserto con diverse tappe da affrontare per un totale di 2000 chilometri che verranno percorsi tra il 29 novembre e il 7 dicembre.

“Comparati agli altri Raid la Maroc Challenge è una gara low cost e no profit e la motivazione che ci ha spinto a sceglierla è stata soprattutto la voglia di mettersi gioco, dato che sarà il nostro primo raid e che non siamo nemmeno mai stati in Marocco, ma anche l’amicizia che ci lega profondamente e che sicuramente ci farà superare qualsiasi difficoltà. Siamo anche molto aperti e curiosi verso nuove culture e non vediamo l’ora di provare i piatti tipici e l’ospitalità marocchina”.

Non mancheranno certo le difficoltà: “Prima fra tutte sarà la “tenuta” della macchina stessa che dovrà affrontare non poche insidie, sperando che regga per tutto il tragitto e che non ci lasci a piedi nel deserto. Secondo l’escursione termica e il tempo che può comunque essere molto mutevole (speriamo di non imbatterci in tempeste di sabbia). Per non parlare poi della nostra inesperienza nell’off-road e le scarse conoscenze in termini di motore e riparazioni, ma ci stiamo lavorando”.

Sarà possibile seguire l’avventura su instagram a tre_uomini_e_una_panda (nostro canale principale) e sulla relativa pagina Facebook. 

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.