La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 27 febbraio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Questione nitrati: Coldiretti contro Regione

La nuova designazione di “zone vulnerabili da nitrati” coinvolge in provincia di Cuneo oltre mille ettari di superficie agricola

La Guida - Questione nitrati: Coldiretti contro Regione

Cuneo – Coldiretti Cuneo contro Regione Piemonte. Il contendere è la nuova designazione di “zone vulnerabili da nitrati” che coinvolge in provincia di Cuneo oltre mille ettari di superficie agricola. La Regione Piemonte ha recepito la direttiva europea relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole, adottando alcune misure per il contenimento dei nitrati nell’ambiente con un regolamento in cui si stabilisce che le aziende agricole interessate debbano adottare le indicazioni di coltivazione e di allevamento stabilite dal regolamento stesso. Il vincolo più rilevante per l’attività agricola è l’imposizione di un limite massimo annuo all’apporto di azoto di origine zootecnica, ma non solo anche investimenti strutturali.

Coldiretti chiede alla Regione, dopo l’incontro avvenuto ieri in Regione, che non siano ancora una volta le imprese agricole e zootecniche cuneesi a pagare il prezzo per l’inquinamento generato principalmente da altri soggetti. Perché l’ampliamento delle zone vulnerabili da nitrati imporrebbe, infatti, alle aziende agricole e zootecniche nei territori coinvolti di sostenere rilevanti investimenti strutturali, con maggiori costi di gestione, al fine di adattare le proprie strutture di stoccaggio.
“Gli assessori all’ambiente e all’agricoltura Marnati e Protopapa – dichiara Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo – hanno dimostrato finora di non voler aprirsi a nessun tipo di confronto. Un atteggiamento che denota la mancanza di attenzione ad una problematica che, invece, ha una grande importanza per le nostre imprese, soprattutto in termini prospettici. Chiediamo di mettere a disposizione tutte le risorse disponibili, che non possono essere soltanto quelle riconducibili al PSR”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy