La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 21 novembre 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Scatta l’obbligo dei seggiolini e dei dispositivi antiabbandono

Per i trasgressori decurtazione di cinque punti della patente e multe da 80 a 300 euro

La Guida - Scatta l’obbligo dei seggiolini e dei dispositivi antiabbandono

Cuneo – È scattato oggi (giovedì 7 novembre), a quindici giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, l’obbligo per i genitori con bambini fino a 4 anni di montare in auto seggiolini dotati di sistema antiabbandono. E così è partita in tutta Italia e anche nella nostra provincia la corsa agli acquisti che ha gettato genitori e nonni nel caos costringendoli in molti casi a fare acquisti affrettati e poco ragionati per evitare la decurtazione di cinque punti della patente e le multe da 80 a 300 euro che sono entrate in vigore lo stesso 7 novembre. Chi non ha ancora un seggiolino può comprarne uno con la funzione anti-abbandono integrata, mentre chi ne possiede già uno può acquistare il solo dispositivo di allarme. Entrambi si devono attivare automaticamente e devono essere in grado, tramite segnali acustici o visivi, di segnalare l’abbandono del minore. Nel secondo caso è però importante fare attenzione a rispettare la nuova normativa che richiede l’uso dispositivi che non alterino l’omologazione dei seggiolini e quindi la loro sicurezza.
Per agevolare l’acquisto è anche stato istituito un fondo che prevede un incentivo di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.