La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 13 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Giro d’Italia 2020, confermata la Alba-Sestriere con il Colle dell’Agnello

A Milano la presentazione ufficiale della 103ª edizione della corsa rosa che transiterà sulle strade della provincia di Cuneo nella penultima tappa, sabato 30 maggio

La Guida - Giro d’Italia 2020, confermata la Alba-Sestriere con il Colle dell’Agnello

Cuneo – La presentazione ufficiale del Giro d’Italia ha confermato quello che le indiscrezioni delle scorse settimane avevano già anticipato: il Giro d’Italia tornerà in provincia di Cuneo anche nel 2020 con un tappone di montagna, da Alba a Sestriere, sabato 30 maggio nella penultima tappa, con il passaggio sul Colle dell’Agnello, il col d’Izoard e il Monginevro prima dell’arrivo a Sestriere.

“Sarà la tappa decisiva del Giro d’Italia 2020 – commenta Mauro Bernardi, presidente dell’Atl cuneese – Anche quest’anno siamo riusciti a portare questo grande evento in provincia di Cuneo grazie alla collaborazione tra Atl e Regione: sarà un’occasione di promozione turistica e territoriale non da poco”.

L’edizione 2020 della corsa rosa proporrà 3 cronometro individuali (per un totale di 58,8 km), 6 tappe di bassa difficoltà adatte ai velocisti, 7 di media difficoltà e 5 di alta difficoltà caratterizzeranno il percorso dell’edizione 103 del Giro d’Italia. Saranno 7 gli arrivi in salita, compresa la cronometro iniziale di Budapest. Frazione conclusiva, con una prova contro il tempo, da Cernusco sul Naviglio a Milano che per la 78esima volta ospiterà la tappa conclusiva.
La Cima Coppi sarà lo Stelvio con i suoi 2.758 metri.

45.000 saranno i metri di dislivello totale della corsa. Quella dall’Ungheria sarà la 14^ partenza dall’estero per il Giro d’Italia e la prima da un Paese dell’Est Europeo. Da Budapest con il suo quartiere del Castello fino a Milano con il Cenacolo di Leonardo passando per la seconda tappa ungherese con l’Abbazia di Pannonhalma e quindi per la Sicilia (con il Duomo di Monreale, la Valle dei Templi di Agrigento e l’Etna); la Puglia con il Monte Sant’Angelo e la Foresta Umbra; l’Emilia Romagna dove la corsa sfiorerà Ravenna; il Veneto con il sito di Arquà Petrarca e le Colline del Prosecco Superiore e infine con l’unicità delle Dolomiti che dal 2009 sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità e che interesseranno la corsa attraverso tre Regioni (Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige).

 

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente