La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 26 settembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

450 lavoratori della Mahle a rischio a Saluzzo e La Loggia

La multinazionale vuol chiudere i due stabilimenti. Sindacati e lavoratori sul piede di guerra, in una trattativa che si preannuncia difficile

La Guida - 450 lavoratori della Mahle a rischio a Saluzzo e La Loggia

Saluzzo – La multinazionale Mahle vuole chiudere gli stabilimenti di Saluzzo (che ha 230 dipendenti) e La Loggia (con 220 lavoratori). Nella mattinata di mercoledì 23 ottobre, presso l’Unione industriale di Torino, c’erano tanti lavoratori a protestare: hanno animato un presidio, con molta rabbia per la scelta aziendale di licenziare, e si sono visti tanti lavoratori e lavoratrici in pianto. L’azienda in un comunicato spiega che “questo passo si è reso necessario a causa della sempre più difficile situazione di mercato a livello globale, che sta conducendo ad un ulteriore declino negli ordinativi, dopo che per oltre un decennio i due siti hanno sofferto di una continua contrazione delle vendite e della conseguente situazione economica negativa. Ci si attende purtroppo che questa situazione deteriori ulteriormente a causa della mutata direzione strategica delle case automobilistiche europee. Il trend negativo e generalizzato, in particolare per i motori diesel, sta inoltre ulteriormente aggravando la situazione”.

Negli stabilimenti di Saluzzo e di La Loggia, si producono pistoni per i motori diesel: “Mahle si trova purtroppo costretta a programmare la chiusura degli stabilimenti di La Loggia e Saluzzo, e a breve saranno avviate le consultazioni con le organizzazioni sindacali. L’azienda collaborerà strettamente con i rappresentanti dei lavoratori al fine di considerare ogni possibile misura alternativa e minimizzare il potenziale impatto sui circa 450 dipendenti dei due stabilimenti coinvolti” recita il comunicato aziendale. Si preannuncia una lunga e difficile vertenza, con i sindacati sul piede di guerra. Sono previste assemblee in fabbrica per discutere le iniziative da prendere. Ci sono ora 75 giorni di tempo per la discussione fra le parti sociali, con i lavoratori nettamente contrari alle scelte aziendali. Il consigliere regionale Paolo Demarchi ha espresso solidarietà ai lavoratori, annunciando l’impegno pieno della Regione. Il sindaco di Saluzzo, Mauro Calderoni: “Quella della Mahle è un comportamento estremamente scorretto. Qui c’è in ballo la vita di oltre 400 famiglie”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente