La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 13 novembre 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sfruttavano migranti per il loro ristorante, una coppia nei guai (video)

A Beinette, i due di origine cinese hanno patteggiato, dopo le accuse di sfruttamento della manodopera. La segnalazione era partita da uno dei giovani sfruttati

La Guida - Sfruttavano migranti per il loro ristorante, una coppia nei guai (video)

Beinette – Due coniugi di origine cinese, 44 e 43 anni, sono stati ritenuti responsabili di sfruttamento di manodopera (articolo 603 bis del Codice penale, quello sul “caporalato”) e hanno patteggiato undici mesi di reclusione; ora sono in libertà, dopo essere sono stati sottoposti ad arresti domiciliari, dal luglio scorso per circa tre mesi. I due, oltre a un ristorante di proprietà, a Beinette, gestivano un centro di accoglienza migranti, aperto nel 2015 per ospitare 24 persone, in un hotel affittato sempre in quel paese.
Quella struttura era il “bacino di lavoro” cui attingevano per l’attività, ma in modo del tutto irregolare, a quanto emerso: per cinque lavoratori (sui 25 anni, originari di Nigeria, Senegal, Ghana e Mali) il rapporto di lavoro era di 11-12 ore al giorno, sette giorni su sette, senza riposi né altro, in scarse condizioni di sicurezza e di igiene, e solo per alcuni c’era un contratto di lavoro part time di poche ore per circa 200 euro al mese; se qualcuno si ribellava, veniva licenziato. I fatti si sono svolti tra il settembre 2017 e l’aprile scorso; intanto, i due gestivano anche altri due Cas, in alloggi, a Montoso (chiuso nell’ottobre 2018) e a Robilante (chiuso in questi mesi).
La vicenda è emersa grazie alle segnalazioni di uno dei lavoratori sfruttati, che si è lamentato della situazione e ha anche riferito di un infortunio sul lavoro (in cucina, un’ustione con olio bollente curata solo con qualche pomata). Da quelle parole sono scattate le indagini che hanno portato a individuare i due responsabili di sfruttamento e chiarire il contesto in cui ciò avveniva. Gli inquirenti hanno sottolineato l’importanza di questa “rottura del muro di silenzio”.
I cinque giovani hanno poi ricevuto una somma di denaro, a titolo di risarcimento; per i due coniugi cinesi è anche scattato il sequestro di un alloggio di proprietà a Savona, a copertura economica dell’evasione tributaria e previdenziale quantificata in 191.000 euro.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.