La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 17 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Via Entracque a San Rocco Castagnaretta, “un incrocio pericoloso”

Una segnalazione di tratto stradale da mettere in sicurezza, soprattutto per pedoni e ciclisti

La Guida - Via Entracque a San Rocco Castagnaretta, “un incrocio pericoloso”

San Rocco Castagnaretta – Riceviamo e pubblichiamo da Paola Morelli, una lettrice che vive nella frazione cuneese, una segnalazione di tratto stradale pericoloso nella zona della frazione cuneese, in corso Francia, tra Cuneo e Borgo San Dalmazzo: l’incrocio in questione è quello con via Entracque e via Vecchia di Borgo.
Gentili signori,
prendo spunto dall’ennesimo incidente all’incrocio tra corso Francia, via Entracque e via Vecchia di Borgo, avvenuto alcuni giorni fa e che ha coinvolto un ciclista, per segnalare l’elevata pericolosità di questo snodo viario.
Io abito in via Entracque e ogni mattina attraverso sulle strisce pedonali in corrispondenza dell’incrocio in questione; ogni volta è una scommessa: le auto arrivano in accelerazione sia dal semaforo di San Rocco sia dal centro città, e pare che sia ormai opzionale fermarsi in presenza di pedoni (qualcuno si ricorda che sarebbe obbligatorio, e che oltre alla sanzione pecuniaria il mancato rispetto comporta otto punti in meno sulla patente?). Spesso chi arriva da Borgo, se si trova dietro a un’auto che gira a sinistra verso la caserma Vian, scarta sulla destra rischiando di schiacciare contro il guardrail chi a piedi si avvicina al passaggio pedonale. Sovente, infine, nonostante il divieto di transito, passano anche autoarticolati che non si curano del fatto che già il solo spostamento d’aria al loro passaggio può causare dei problemi, in particolare a bambini e anziani in attesa di attraversare.
Visto che anche molti genitori con bambini piccoli attraversano per portare a piedi i figli a scuola a San Rocco, non sarebbe ora di intervenire almeno con un dosso rallentatore per prevenire incidenti gravi?

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente