La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 17 ottobre 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Gli eredi rivendicano un terreno frutto di usucapione

Processo in corso al Tribunale per capire a chi spettano casa e terra di proprietà di un signore residente in Francia ma da anni usati da un contadino di Monterosso

La Guida - Gli eredi rivendicano un terreno frutto di usucapione

Monterosso Grana – Nell’atto di successione redatto dopo la morte del padre avevano fatto inserire anche un terreno che in realtà non gli apparteneva ma sui cui rivendicavano l’usucapione. Con l’accusa di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e violenza privata, sono comparsi davanti al giudice monocratico di Cuneo i parenti di B.D. abitante di Monterosso Grana che dagli anni ‘80 aveva ottenuto il permesso di coltivare il terreno di un signore che abitava in Francia. Dapprima un permesso orale, che poi divenne scritto proprio su richiesta del contadino, che in quel terreno, dove c’era anche una vecchia casa, ci andava a dormire.

Il figlio del proprietario, G.J., costituito parte civile in processo, oggi ha raccontato che la sua famiglia aveva sempre frequentato quella casa d’estate e che lui stesso, dopo la morte dei genitori avvenuta tra il 2004 e il 2010, aveva continuato a recarvisi in occasione della festa dei Santi. “Andavo a novembre per due settimane – ha raccontato oggi in aula -, mi occupavo di pagare le bollette, tagliare l’erba e tenevo la casa in ordine”.

Poi nel 2016 ricevette una telefonata da una signora della borgata che lo avvisava dell’intenzione da parte degli eredi di B.D., di usucapire il terreno. J.G. andò alla casa ma non riuscì ad entrare perchè sul cancello era stato apposto un lucchetto con una nuova chiave che lui non aveva. Da qui la denuncia e il processo in corso al  Tribunale.  

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.