La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 17 ottobre 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

50.000 euro alla badante, prestito o circonvenzione di incapace?

L'anziana, dichiarata lucida di mente dalla dottoressa di famiglia, aveva dichiarato di aver prestato alla donna i soldi ma alcuni assegni alle figlie della badante hanno destato il sospetto del pubblico ministero

La Guida - 50.000 euro alla badante, prestito o circonvenzione di incapace?

Mondovì – Era consapevole di aver prestato alla propria badante circa 50.000 euro o non si trattava piuttosto di una caso di circonvenzione d’incapace? È intorno a questo punto cruciale che ruota il processo in corso al Tribunale di Cuneo, che vede imputata B.B. una signora che nell’arco di tempo compreso fra il 2010 e il 2014 aveva lavorato come badante alle dipendenze di un’anziana signora di Mondovì. La donna, rimasta vedova e alle prese con una malattia che l’aveva resa incapace di badare a se stessa, aveva assunto una signora che  l’accudiva.

“La malattia le aveva provocato una forte depressione – ha spiegato oggi in aula la dottoressa di famiglia – e per questo le prescrivevo degli psicofarmaci antidepressivi. Era lucida e presente a se stessa, anche se non aveva voglia di fare niente e stava sempre a letto”.

La donna, costituita parte civile al processo, aveva lei stessa affermato di aver dato quei soldi alla badante, anche se aveva aggiunto davanti al giudice di essere un po’ confusa in quel periodo. Oltre ai soldi, la signora aveva denunciato la scomparsa di alcuni gioielli nascosti in freezer; secondo lei la responsabile non poteva che essere la badante poichè solo loro due sapevano di quel nascondiglio. A suscitare le perplessità del pubblico ministero anche un assegno da 10.000 euro intestato ad una delle figlie dell’imputata che però non aveva mai avuto rapporti con l’anziana donna, mentre un’altra figlia aveva saltuariamente sostituto sul posto di lavoro e per questo era stata pagata direttamente dalla madre. Conclusioni delle parti e sentenza sono attese per la prossima udienza del 17 febbraio.

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.