La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 21 luglio 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Attenzione al rischio di incendi boschivi, non solo in montagna

Le indicazioni della Prefettura e i richiami al buon senso e alla prudenza

La Guida - Attenzione al rischio di incendi boschivi, non solo in montagna

Cuneo – Estate e grande caldo possono significare anche incendi, o almeno rischio di fiamme: per questo la Prefettura ha segnalato ai Comuni la circolare ministeriale del 25 giugno scorso, con gli indirizzi operativi per fronteggiare gli incendi boschivi durante l’estate.
Tra gli elementi segnalati, c’è l’invito a curare la vegetazione all’interno delle proprietà private, a tagliare gli arbusti e a tenere puliti i terreni incolti (soprattutto se confinano con zone residenziali): questo per prevenire il rischio di incendi ed eventuali  danni al patrimonio pubblico e privato.
Valgono anche, ovviamente, tutte le norme di prudenza e di buon senso per evitare roghi: il divieto di uso di fiamme libere, evitare di gettare mozziconi di sigaretta, l’attenzione a motori termici e marmitte di veicoli nei pressi di vegetazione secca, la massima prudenza nell’accensione di fuochi. Ognuno, con queste accortezze e con la segnalazione immediata di eventuali roghi, può aiutare a impedire che il gran caldo di questa estate venga associato agli incendi boschivi e alla distruzione ambientale che causano, in montagna e non solo (immagine di repertorio).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.