La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 20 agosto 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Manifestazione per chiedere lo sbarco dei 42 della SeaWatch

È in corso davanti alla Prefettura di Cuneo

La Guida - Manifestazione per chiedere lo sbarco dei 42 della SeaWatch

Manifestazione Sea Watch

Cuneo – È in corso davanti alla Prefettura di Cuneo in via Roma una manifestazione per chiedere ai rappresentanti del Governo che in nome dell’articolo 2 della Costituzione Italiana, i passeggeri della SeaWatch 3 siano fatti scendere dalla nave e accolti nel nostro Paese. Un’iniziativa partita dal basso da un gruppo di cittadini che appartengono a diversi movimenti e associazioni, ma anche da molte adesioni personali. L’appuntamento è stato fatto circolare soprattutto attraverso i social e whatsapp.

Manifestazione Sea Watch

L’articolo 2 recita: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”.
Dopo aver deciso di violare il divieto di entrare nelle acque italiane emesso dal ministro dell’interno Matteo Salvini, Carola Rackete la comandante della Sea Watch 3, con a bordo 42 migranti, è ferma da ieri pomeriggio davanti al porto di Lampedusa. In serata le autorità italiane sono salite a bordo, ma non hanno dato l’autorizzazione allo sbarco.

Manifestazione Sea Watch

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.