La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 14 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ritirata la candidatura cuneese all’Unesco

La corsa a Patrimonio mondiale delle Alpi del Mediterraneo per ora si ferma, troppo alto il rischio di non passare alla commissione di Baku

La Guida - Ritirata la candidatura cuneese all’Unesco

Cuneo – Troppo alto il rischio di non passare alla commissione di Baku del 30 giugno. L’Italia dovrebbe oggi ritirare ufficialmente la candidatura delle “Alpi del Mediterraneo” a Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco. Francia e Principato di Monaco hanno già sollecitato ufficialmente nei giorni scorsi il ritiro. Si ferma quindi la corsa Unesco per questo 2019 dell’estesa area naturale protetta di 268.500 ettari situata tra Italia, Francia e Principato di Monaco. Anche l’ultimo tentativo delle istituzioni italiane a sostegno delle candidatura non è bastato.

La bocciatura avvenuta nelle scorse settimana da parte dello Iucn, una delle Ong chiamate a valutare la candidatura delle Alpi, pesa rispett a tutte gloi altri giudizi positivi del resto della commissione, e dunque il rischio di non passare alla valutazione finale è troppo alto. Una bocciatura a Baku significherebbe mettere una pietra tombale sul progetto, perché il pollice verso Unesco è irreversibile. Lo stop da parte dei presentaztori della candidatura, che è l’Italia permetterebbe invece di continuare a lavorare sulla proposta e su una nuova candidatura. Come è avvenuto più volte per esempio per il territorio collinare di Langhe, Roero e Monferrato.

La candidatura italiana aveva coinvolto nella comune storia geologica, ambientale e di biodiversità un’area di 268.500 ettari e che interessa 79 Comuni (28 dei quali in territorio italiano) e 3 Stati: Italia, Francia e Principato di Monaco. Per completare le molte ricchezze ambientali tutelate da più di trent’anni dal Parco Naturale delle Alpi Marittime e dal Parco Nazionale del Mercantour, nel progetto sono stati inseriti anche i Parchi del Marguareis e delle Alpi Liguri,  alcune zone protette della Provincia di Imperia, l’Area protetta regionale Giardini Botanici Hanbury, alcune zone naturali tra entroterra e costa  del  Dipartimento  delle Alpi Marittime.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente