La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 20 agosto 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La grande festa del Giro d’Italia

Grande entusiasmo a Cuneo per la partenza della tappa Cuneo-Pinerolo, avvenuta alle 13.10. Viabilità modificata in città, strade chiuse lungo il percorso

La Guida - La grande festa del Giro d’Italia

Cuneo – Dopo una mattina di festa, colori e grande entusiasmo, è scattata puntuale alle 13.10 la tappa Cuneo-Pinerolo. La carovana rosa, con in teste i quattro leader delle classifiche, è partita da piazza Galimberti e ha percorso via Roma per poi dirigersi a Madonna dell’Olmo e da qui proseguire verso Pinerolo.

Giovedì 23 maggio sono state tante le modifiche al traffico, sia in città che lungo il percorso della tappa del Giro d’Italia da Cuneo a Pinerolo. Di norma le strade interessate dal passaggio della tappa sono chiuse, in entrambi i sensi di marcia, due ore prima rispetto all’orario di passaggio della corsa previsto e indicato nella cronotabella ufficiale (alla media più veloce) e non saranno riaperte fino alle indicazioni date dalla Polizia Stradale (15 minuti dopo il passaggio del motociclista della polizia stradale dotato di bandierina rossa).

Per quanto riguarda la chiusura delle strade, l’ordinanza emessa dalla Prefettura prevede il divieto di transito nei seguenti orari: dalle 11.10 nel tratto Cuneo-Busca (sino all’incrocio con la SP 24, corso 25 Aprile), dalle 11.34 tratto Busca (corso 25 Aprile)-Piasco (località Sant’Antonio, rotatoria con SP 8), dalle 11.51 da Piasco, Verzuolo, Manta a Saluzzo, dalle 12.03 da Saluzzo a Martiniana Po, dalle 12.21 da Martiniana Po a Paesana e dalle 12.37 da Paesana a Barge.

A Montoso, chiusura dalle 14.18, ma divieto di transito sulla strada provinciale 246 nel comune di Bagnolo Piemonte, dalla località Villar nella direzione verso Montoso, già dalle 10, ad eccezione dei mezzi autorizzati che potranno accedervi solo fino alle 14.18. Nel tratto tra Montoso e Villar divieto di sosta già dalle 17 del 22 maggio.

La sosta è vietata anche lungo tutto il percorso di gara.

Divieti in città

Divieti di sosta e transito sono istituiti in Piazza Galimberti già dalle 17 del 22 maggio e fino alle 19.30 del 23 maggio. Chiusa al transito per tutta la sua estensione anche via Roma e divieto di sosta in piazza Torino dalle 5 alle 15 del 23 maggio (divieto di transito dalle 7 alle 15).

Sosta vietata anche in Via Pascal fino alle ore 15 del 23 maggio, con divieto di transito dalle 6 alle 15 del 23 maggio; in Corso Kennedy (nella parte di controviale sterrato tra la carreggiata adiacente piazza Foro Boario e la discesa Bellavista) dalle 17 del 22 maggio alle 15 del 23 maggio e in piazza Foro Boario (tra via Pascal inclusa e via Caraglio esclusa) dalle 5 alle 15 del 23 maggio. Divieto di sosta anche in Corso Nizza dall’incrocio con corso Brunet-corso Giolitti fino a Piazza Galimberti dalle 5 alle 14 del 23 maggio. Nello stesso tratto divieto di transito dalle 7 alle 14. In Piazza Europa divieto di sosta e di transito nel controviale lato Gesso dalle 5 alle 14.

Divieto di sosta, infine, su tutto il percorso di gara (via Roma, rotatorie Piazza Torino, via Circonvallazione Nord, via Torino e via Valle Po sino al confine con Busca) dalle 7 a cessate esigenze (indicativamente alle 14).

Su tutto il percorso del Giro nel territorio del Comune di Cuneo, sarà vietato il transito dalle 11 a cessate esigenze (indicativamente alle 14) del 23 maggio. Saranno sempre percorribili, invece, corso IV Novembre, il viadotto Soleri e il viadotto Sarti.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.