La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 luglio 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La storia di Rita che sfidò la mafia con Borsellino

Spettacolo con Guido Castiglia al Toselli il 25 marzo

La Guida - La storia di Rita che sfidò  la mafia con Borsellino

Cuneo – Lunedì 25 marzo, alle 21 al Teatro Toselli, va in scena lo spettacolo “Una storia disegnata nell’aria. Per raccontare Rita che sfidò la mafia con Paolo Borsellino” di e con Guido Castiglia, una produzione di Nonsoloteatro. Al centro della messa in scena c’è la storia di Rita Atria, testimone di giustizia a soli 17 anni e vittima di mafia. La narrazione mira dritta al cuore facendo emergere la fragilità e la caparbietà di una adolescente trovatasi al centro di uno dei momenti più drammatici della nostra repubblica: le stragi di mafia. Lo spettacolo racconta di Rita, dei suoi “tatuaggi emotivi”, della sua voglia di vivere e della sua capacità di trasformare, grazie all’aiuto di Paolo Borsellino, il sentimento di vendetta in senso di giustizia. Il testo è stato scritto con la collaborazione di Piera Aiello testimone di giustizia e cognata di Rita Atria. La serata è organizzata da Compagnia teatrale Il Melarancio, Liberavoce Onlus e Comune di Cuneo, in occasione della Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime di mafia che cade il 21 marzo. Biglietti a 5 euro acquistabili al botteghino del teatro la sera dello spettacolo.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.