La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 25 settembre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ruba un portafogli sul treno, scappa e viene fermato poco dopo

Durante controlli della Polfer nella stazione cuneese, il 19enne è scappato verso l'ospedale

La Guida - Ruba un portafogli sul treno, scappa e viene fermato poco dopo

Cuneo – Tra le persone arrestate nei giorni scorsi dalla Polizia ferroviaria in alcuni interventi su scala regionale, un episodio è avvenuto martedì 26 febbraio, a metà mattina, alla stazione di Cuneo, dove era in corso un controllo. Un 19enne di origini marocchine residente nel cuneese ha strattonato gli agenti e si è dato alla fuga, aiutato da un connazionale: era appena giunto nei pressi un uomo che sosteneva di essere stato derubato del portafogli, da parte del giovane, sul treno Torino-Cuneo. Il giovane è stato rintracciato e fermato poco dopo nei pressi dell’ospedale, da parte di una volante della Questura, allertata dalla Polfer. Per il 19enne – con numerosi precedenti per furto, rapina aggravata, concorso in rapina, furto con destrezza, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale – è scattata la convalida dell’arresto, con la condanna a un anno e mezzo di reclusione e 500 euro di multa.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente