La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 6 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Oggi i funerali di Clementino Botta, reduce di El Alamein

Le funzioni saranno celebrate nel pomeriggio a Melle

La Guida - Oggi i funerali di Clementino Botta, reduce di El Alamein

Melle – Cordoglio in valle Varaita per la scomparsa di Clementino Botta: aveva 98 anni ed era un reduce della battaglia di El Alamein. Raccontava sorridendo: “Ero un bravo pescatore, vendevo le trote a “Nota d’la Curuna grosa”, una grande cuoca: me le pagava bene, a mille lire il chilo, quando un operaio guadagnava 700 lire al giorno. Un giorno ho pescato sette chili di trote!”.
Era partito soldato a febbraio del 1939 e un giorno aveva incontrato il “re cit”: “Non era un bell’uomo, l’ho visto a pochi metri di distanza, quando eravamo pronti per partire per la Russia. Ci hanno dato i viveri per sette giorni di viaggio, siamo partiti per il Brennero, ma poi ci hanno fatto andare a Roma”. Nel luglio 1942, la partenza per l’Africa: “Siamo partiti con l’aereo per l’Egitto, da Lecce. Sull’aereo eravamo una trentina, ma si è incendiato uno dei tre motori dell’aereo: siamo tornati indietro, ci siamo salvati, ma ho avuto paura”. El Alamein: “La battaglia è durata dal 23 di ottobre al 6 novembre 942. Faceva spavento, la terra tremava per i bombardamenti, sembrava di essere all’inferno! Da una parte gli italiani e i tedeschi, dall’altra gli inglesi e le truppe di colore alleate. Io facevo il porta ordini e mi muovevo con una Topolino e con una moto inglese. Il 6 novembre sono stato fatto prigioniero, ero in moto fra le dune di sabbia! Sono stato portato in un campo di concentramento vicino a Suez, eravamo 12 mila italiani prigionieri”. Clementino Botta lascia i figli Lucia con marito Paolo e Dario con la moglie Amelia, i nipoti, i parenti e tanti amici. I suoi funerali oggi pomeriggio, mercoledì 20 febbraio, alle ore 15, nella parrocchiale di Melle (con partenza alle 14 dalla Casa di riposo a Costigliole). Poi la sua salma sarà tumulata a Brossasco.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente