La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 luglio 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Residenti nel Cuneese i responsabili di un furto in stazione

Tre giovani sottraggono il portafogli ad una diciannovenne a Vercelli: subito identificati e fermati dalla Polfer

La Guida - Residenti nel Cuneese i responsabili di un furto in stazione

Cuneo – Sono residenti nel Cuneese i tre ragazzi fermati dalla Polizia ferroviaria di Novara e riconosciuti come gli autori del furto commesso ai danni di una diciannovenne nella mattina di martedì 5 febbraio, nella stazione di Vercelli.
La giovane stava salendo sul treno, quando si è sentita toccare lo zainetto: una volta seduta in carrozza, si è accorta che la tasca della sacca era stata aperta e che il portafogli in essa contenuto era sparito. Segnalato l’episodio al capotreno, la Sala operativa compartimentale ha avvisato la Polfer, che alla successiva fermata di Novara è salita sul treno, rintracciando gli autori del furto. Questi sono stati trovati in possesso degli 80 euro contenuti nel portafogli della giovane, nel frattempo fatto sparire.
Due dei malviventi, diciannovenni già con precedenti alle spalle, sono stati denunciati per furto aggravato in concorso, mentre la ragazza che li accompagnava e che aveva occultato la refurtiva nella maglietta, essendo minorenne, è stata deferita alla Procura dei Minori di Torino ed affidata in custodia ad un’apposita struttura, non avendo parenti in Italia.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.