La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 18 febbraio 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Dalla Banca di Caraglio 5 milioni di euro per i commercianti

Rinnovata la convenzione tra l'istituto di credito e la Confcommercio Cuneo

Luca Chiapella e Luciano Busso

Caraglio – È stata rinnovata la convenzione tra la Confcommercio di Cuneo e la Banca di Caraglio, che anche per il 2019 metterà a disposizione delle imprese del settore un plafond di cinque milioni di euro. L’accordo è stato sottoscritto nella giornata di venerdì 8 febbraio, presso la sede centrale dell’istituto di credito, a Caraglio, alla presenza di Luca Chiapella, presidente di Confcommercio Cuneo e consigliere di amministrazione di AscomFidi Nord-Ovest, e di Luciano Busso e Giorgio Draperis, rispettivamente vice presidente e direttore generale della Banca di Caraglio.
I fondi andranno a sostenere in particolare l’inizio di nuove attività, l’acquisto di attrezzature, arredi, impianti e macchinari, la ristrutturazione di locali, l’acquisto di azienda o di rami di azienda, l’assunzione e la formazione di personale e l’acquisto di scorte.
La Banca di Caraglio si impegna a concedere ‘mutui chirografari’, della durata massima di sette anni per un importo che non può superare i 150.000 euro per ogni intervento. Le aziende potranno inoltre richiedere ulteriori 50.000 euro per il sostegno della liquidità di impresa.
Per informazioni sulla convenzione e sui servizi offerti da Ascomfidi Nord-Ovest rivolgersi al numero 0171437270 o scrivere a cuneo@ascomfidinordovest.it.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.