La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 30 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La Provincia fa scattare il piano per l’abbattimento delle nutrie

Una delle specie animali più invadenti e più pericolose per la biodiversità, dalle coltivazioni alle zone umide

La Guida - La Provincia fa scattare il piano per l’abbattimento delle nutrie

Cuneo – È guerra alle nutrie, anche in Granda, per debellare questa presenza pericolosa: lunedì 4 il consiglio provinciale ha approvato all’unanimità il Piano per il controllo della nutria, fino al 2023, secondo le linee guida dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).
La nutria (Myocastor coypus), simile al castorino, vive soprattutto nelle zone umide e sta diventando negli ultimi anni sempre più invasiva; al di là della simpatia che può ispirare, è invece considerata una delle specie animali esotiche più pericolose, per l’impatto sulla biodiversità, sia su specie botaniche tipiche sia su coltivazioni, oltre ai danni sulle zone umide e sulla fauna che le abita.
In provincia di Cuneo la nutria è comparsa alla fine degli anni Novanta, lungo i principali fiumi della pianura cuneese, iniziando a creare problemi con agricoltura, argini di bealere e canali irrigui negli anni successivi. Nei primi anni 2000 la specie ha continuato a diffondersi, arrivando fino ad alcune zone di valle.
La sua presenza è già stata contrastata con alcuni piani di controllo: nel 2017 sono stati abbattuti 485 esemplari dalla Polizia faunistico-ambientale della Provincia, ma sono ancora numerose le richieste di intervento. Scatta quindi il nuovo piano di controllo, con gabbie di cattura e successivo abbattimento.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente